F1 Manor non parteciperà al campionato 2017

La scuderia britannica non ha trovato acquirenti entro la data richiesta di 27 gennaio 2017, 14:57 506 visualizzazioni
F1 | Manor non parteciperà al campionato 2017

Termina dopo due sole stagioni l'avventura del team Manor in Formula 1. Il team di Banbury non è riuscito a trovare acquirenti dopo essere stato posto sotto amministrazione controllata all'inizio del mese. La deadline per chi avesse voluto rilevare la squadra era stata posta in data 20 gennaio, a distanza di una settimana FRP Advisory ha comunicato la chiusura definitiva per mancanza di budget.

Questo il comunicato della società a cui era stata affidata l'amministrazione controllata del team: "Negli ultimi mesi, il senior management team ha lavorato senza sosta per portare nuovi investitori in squadra, al fine di assicurarle un futuro a lungo termine, purtroppo non siamo stati capaci di farlo entro il tempo richiesto e non abbiamo avuto alternative a parte lasciare JRSL (Just Racing Services Ltd., società che co-gestiva il team Manor, ndr) in amministrazione controllata, al fine di proteggere gli interessi delle aziende sottostanti e di poter continuare a cercare un acquirente".

I 212 dipendenti di JRSL riceveranno regolarmente lo stipendio del mese di gennaio. Bisogna notare, invece, come Manor Grand Prix Racing, la società che gestiva l'altra metà della scuderia, non è fallita e mantiene tuttora i diritti per gareggiare in Formula 1. 

Risulta decisivo, quindi, il nono posto ottenuto da Felipe Nasr nello scorso Gran Premio del Brasile, piazzamento che ha reso vana l'ottima decima posizione di Pascal Wehrlein in Austria. Dopo un 2015 molto difficile in seguito al fallimento del team Marussia, Manor aveva trovato un accordo con Mercedes che prevedeva la fornitura dei motori e di gran parte dei particolari tecnici della Williams, oltre all'ingaggio dello stesso Wehrlein in quanto young driver di Stoccarda. La scuderia aveva conosciuto quindi un grande miglioramento prestazionale, tanto da consentire a Wehrlein di conquistare più volte l'accesso alla Q2 in qualifica nel finale di stagione. Al di là dei problemi economici, il 2017 sembrava poter essere un'altra buona annata per la squadra inglese, almeno dal punto di vista dei risultati, viste le ancora più grosse difficoltà incontrate dal team Sauber.

Si conclude così una storia che, tra molteplici passaggi di proprietà, era iniziata nel 2010 con il team Virgin di Richard Branson, nato proprio in collaborazione con lo storico team Manor ora impegnato nel WEC. L'acquisizione da parte di Marussia era avvenuta nel 2012, con risultati non molto migliori rispetto alla precedente gestione, fino alla tragica scomparsa di Jules Bianchi a causa dell'incidente di Suzuka 2014.

Le scuderie di Formula 1 rimangono pertanto dieci, in attesa di eventuali new entries in futuro.

 


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.