F1 Hamilton: il "driver coaching"? Un mucchio di sciocchezze

di 08 aprile 2016, 11:00
F1 | Hamilton: il "driver coaching"? Un mucchio di sciocchezze

Lewis Hamilton di certo, negli ultimi due anni, non ha mancato di dare una svolta al suo stile di vita. È un Hamilton ben diverso rispetto a quello che guidava la McLaren: più sicuro di sé (così ha detto più volte - ndR), meno fragile, ma non per questo, si vuole dimenticare del lato "spensierato" della vita - e quanto pubblicato sui propri social network ultimamente, non lasciano dubbi che Lewis vuole godersi la vita.

Di recente, proprio su Twitter, il tre volte campione del mondo si è voluto esprimere in merito al "driver coaching" che non è altro che supporto, perlopiù psicologico e attitudinale, per i piloti di F1. L'inglese non è stato di certo tenero: "C'è un problema nel mondo delle corse, adesso ci sono tutti questi driver coach, mind coach e credo che siano tutto un mucchio di stronzate".

"Le persone insicure pensano di aver bisogno di tutto questo, non è vero... Si sono perse, semplicemente, ma non ne hanno bisogno". Ha continuato: "Bisogna avere fiducia in se stessi. Ognuno ha il suo modo unico di farlo. Le persone hanno iniziato a dar retta ad alcune cose, che non ci sono, in realtà. Tutte le piccole cose, che non sono veramente importanti".


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.