F1 GP Austria, qualifiche: la parola a Mercedes e Ferrari

di 03 luglio 2016, 08:00
F1 | GP Austria, qualifiche: la parola a Mercedes e Ferrari

Vi riportiamo le dichiarazioni dei piloti di Mercedes e Ferrari al termine delle qualifiche del Gran Premio d'Austria.

Mercedes

Lewis Hamilton: "Questa è decisamente una delle piste dove devo continuare a lavorarci su. Non è una pista facile dove fare il giro perfetto, e ammetto che non sia il mio circuito migliore. Come pilota, non sono abituato ad alzare l'acceleratore prima del solito, per mantenere alta la velocità minima. La pista si asciuga così in fretta qua - ed è una grande caratteristica di questo circuito, e ha reso le qualifiche interessanti. Speriamo che in gara sia più fresco, e che mi aiuti a gestire le gomme. La gara sarà interessante e spero che sia una buona giornata".

Nico Rosberg: "È stato un grande impegno da parte del team, da entrambe le parti, rimettere insieme la mia monoposto danneggiata, e prepararla per le qualifiche. È stata una sessione impegnativa con la pioggia, e il giro perfetto non è arrivato, il che ha comportato che Lewis fosse il più veloce. Con la penalità di cinque posizione, Lewis partirà davanti e sarà difficile lottare contro le altre monoposto che hanno le Ultrasoft. Sarà una gara entusiasmante e tosta e c'è molto per cui lottare".

Ferrari

Kimi Raikkonen: "Oggi sono successe molte cose. È arrivata la pioggia in Q3, ma alla fine della sessione, la pista si stava asciugando, quindi è stato difficile sapere se fosse pronta per gomme da asciutto o da bagnato. Non siamo riusciti a fare un buon giro quando importava. È deludente finire sesti, potevamo fare di più, ma con altri penalizzati davanti, non è andata male. La monoposto va bene sia in condizioni asciutte che bagnate, quindi andrà tutto bene. Le condizioni meteo in gara stabiliranno quanto dureranno le gomme, sarà cruciale".

Sebastian Vettel: "La monoposto è andata molto bene - non le mancava niente, mancava solamente il tempo. Il quarto posto va bene, ci fa partire noni in gara, non è comunque l'ideale. La pista era più asciutta di quanto ci aspettassimo, con il senno di poi avrei potuto prendere più rischi. Non è stata colpa della monoposto, o del passo che mancava, stava tutto al pilota. E i tre piloti davanti a me hanno preso più rischi. In gara può succedere di tutto, potrebbe piovere, e come tratterai le gomme sarà importante. Per quanto riguarda i cordoli, è chiaro che è meglio non toccarli, penso che per l'anno prossimo si debba trovare una soluzione, ma per la gara, c'è poco da fare".


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.