Andrea Ettori

CAMONJENSON F1 2017, un'attesa che...

Tra poche ore si riparte di 20 febbraio 2017, 09:00 870 visualizzazioni
F1 2017, un'attesa che...

Ormai ci siamo: tra poche ore cadranno i veli sulle monoposto della stagione 2017, che verranno svelate per tutta la settimana, giorno dopo giorno. Un'attesa moderatamente curiosa, soprattutto dopo le prime "immagini" della nuova Williams FW40, uguale nella sua livrea Martini come nelle ultime 3 stagioni, ma sostanzialmente diversa nelle forme.

Un'attesa che avrebbe potuto essere molto più "eccitante" se la Mercedes avesse avuto il coraggio di prendere Fernando Alonso per sostituire Nico Rosberg. Una mossa che avrebbe dato quel qualcosa in più alla stagione, ma soprattutto avrebbe messo Hamilton in una condizione non più di "comfort zone", come ritengo sia già da adesso con l'arrivo di Bottas.

Sarei molto felice di essere smentito dallo stesso pilota finlandese: sicuramente veloce ma, a mio modesto parere, non meritevole di guidare la macchina che ha dominato le ultime stagioni.

Parlavo di Alonso sopra, lo stesso pilota che spera di avere, in quella che potrebbe essere la sua ultima stagione in F1, una Mclaren Honda competitiva in grado di fargli riassaporare le prime posizioni. Honda, grazie anche all'abolizione dei token di sviluppo, ha avuto la possibilità di poter migliorare la propria PU rendendola "simile" a quella Mercedes. Un miglioramento che andrebbe anche a stuzzicare le idee del "quasi" deb Vandoorne.

Il belga ha tutte le credenziali per mettere in difficoltà il ben più quotato compagno di squadra, anche se per lui sarà fondamentale avere un mezzo che lo metta in condizione di sprigionare tutto il suo talento.

Un'attesa che potrebbe regalarci qualche bella "sorpresa", se possiamo chiamarla in questa maniera, quando si parla della Red Bull. Il nuovo regolamento sembra fatto apposta per quel genio (che dicono abbia ritrovato grande entusiasmo) che di nome fa Adrian e cognome Newey. Se mi chiedessero di giocare un euro sul possibile vincitore del titolo io lo punterei su Max Verstappen. L'olandese ha tutto per vincere, ma soprattutto gode già di un attenzione "Vetteliana" dentro alla squadra a discapito del suo compagno Daniel Ricciardo.

Un vantaggio soprattutto psicologico non da poco, che potrebbe da subito cambiare gli equilibri in squadra, e chissà anche in previsione futura con un occhio soprattutto da parte di Ricciardo verso Maranello.

Un'attesa che i tifosi Ferrari vivono al contrario rispetto a 12 mesi fa, con un pessimismo tipico di metà anni 90. Se l'anno scorso era bastato un po' di bianco, la parola "rivoluzionaria" (riguardo al progetto della SF16-H) e i proclami del presidente Marchionne per accendere entusiasmi totalmente esagerati, quest'anno è bastata qualche indiscrezione da bar arrivata qua e là per frenare ogni possibilità di vittoria.

Quello che è certo è che, così come un anno fa, nessuno ha mai visto la vettura ma soprattutto sarà la pista a dirci che Ferrari sarà, e a quel punto non ci saranno indiscrezioni che "tengano".

Un'attesa che vive soprattutto Sebastian Vettel, dopo un 2016 molto deludente. Il tedesco è pronto alla rivincita, ma se questo 2017 si rivelerà povero di gioie le strade di Brackley potrebbero aprirsi per il 2018. Lo stesso Kimi Raikkonen vorrebbe chiudere la sua esperienza in F1 con una stagione da protagonista, cosa già fatta in parte l'anno scorso.

Un'attesa che Renault, Williams, Force India, Sauber e Haas vivono nella speranza di potersi inserire nelle posizioni che contano compatibilmente con le risorse che hanno a disposizione.

Un'attesa che anche la Manor avrebbe voluto vivere ma che, nelle scorse settimane, a causa del fallimento e delle facili ironie da social, ha dovuto trasformasi in un addio triste per il team e l'ambiente Formula 1, che ha visto ridursi la griglia a 20 macchine.

Un'attesa che anche Bernie Ecclestone vivrà da "pensionato" di lusso, dopo aver ceduto la guida dell'intero carrozzone agli americani della Liberty Media, i quali avranno il compito di riportare la Formula 1 ad un livello di passione ma soprattutto di serietà che negli ultimi è mancata a tutto l'ambiente, tifosi compresi.

Un'attesa che...beh basta attendere qualche ora e si riparte!


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE