Alessandro Secchi

SEVEN Evviva il far west alla tedesca!

di 24 agosto 2014, 21:30
Evviva il far west alla tedesca!

Chi si accontenta gode.

In una stagione stradominata dalla Mercedes, dobbiamo dare atto alla squadra tedesca di aver comunque trovato il modo per tenere alta l'attenzione sul Mondiale, nonostante si sappia già di che colore sarà la vettura vincitrice di entrambi i titoli.

Insomma, in tempi di magra, abbiamo comunque da divertirci da qui ad Abu Dhabi. Vettel è stato quasi detronizzato ed è sfigato come il miglior Webber, la Red Bull vince solo con Ricciardo, la Ferrari con due campioni non va neanche a podio a meno di cataclismi tra le tre squadre che le stanno stabilmente davanti.

Un qualche motivo di interesse, questo campionato, doveva pur offrirlo a chi si trova davanti alla TV e va in autodromo. Ed eccolo servito, il far west alla tedesca. Hamilton contro Rosberg, Rosberg contro Hamilton. Gara dopo gara il rapporto tra quelli che parevano essere super amici si è progressivamente sciolto sotto il calore della power unit Mercedes. Soprattutto il profumo della vittoria ha dato un contributo fondamentale a svelare davvero gli umori dei due alfieri.

Rosberg si è dimostrato molto più smaliziato (e veloce) di quanto si pensasse, e se Hamilton credeva ad inizio stagione di poter passeggiare tranquillamente verso la vittoria del suo secondo titolo, ha sbagliato clamorosamente le sue previsioni. Inoltre, le maniche larghe della Mercedes nel lasciare liberi i propri piloti di battagliare tra loro si è dimostrata, a lungo termine, un bel boomerang. Due galli in un pollaio, evidentemente, non sono cosa da fare in un team di vertice. Anche se, a dire la verità, forse la Mercedes non si aspettava ad inizio anno di avere a disposizione tal siluro e di essere, a tutti gli effetti, un team di vertice. E quindi, logicamente, meglio avere due piloti forti per pararsi le terga.

L'arrabbiatura di oggi di Wolff e Lauda non tragga in inganno. Io credo (ma è un mio personalissimo pensiero) che la loro preferenza per Rosberg su Hamilton sia abbastanza definita. Effettivamente, però, buttare una gara dopo due giri è piuttosto affrettato. Diciamo anche una stronzata, va là. Non so se Rosberg abbia volontariamente colpito il compagno oggi a Spa. Non ne ho idea, anzi non credo che si possano prevedere i danni alla propria vettura e a quella dell'avversario, a meno di passare alla premeditazione vera e propria. Il biondo, però, probabilmente aveva da far pagare (magari non in questo modo) a Lewis l'accompagnamento sull'erba di Budapest e il rifiuto di obbedire al team order del team nella stessa occasione. 1+1 fa due, e qui viene meno la teoria secondo la quale Rosberg sia un senza palle. Alla fine ci ha provato, gli è andata male, ma la staccata l'ha tirata. Aggiungerei anche il fatto che ieri, in condizioni normalissime, la pole l'ha fatta Nico. Per ribadire il fatto che Lewis sta soffrendo il compagno più del dovuto. Anzi, per assurdo, Lewis sta vivendo al contrario la situazione del 2007 in Mclaren, quando ad un certo punto del mondiale l'appoggio della squadra sembrava solo per lui nonostante anche Fernando fosse in piena lotta per il mondiale. Aggiungiamo il fatto che il ragazzo è molto 'spirituale', somatizza, insomma si chiude nella delusione ed è molto soggetto a sbalzi di umore. Mentre l'altro, di testa, sembra essere addirittura molto più 'quadrato'.

Cosa succederà da qui in avanti? Io mi auguro che, a questo punto, la si finisca con la pantomima dell'amicizia, del sedersi attorno ad un tavolo, del chiarirsi e via dicendo. Dicessero chiaramente che non si sopportano più e che ognuno farà quello che è nelle sue possibilità per vincere sull'altro. Sarebbero più onesti con sè e con chi li ascolta e li guarda. D'altronde, mi pare piuttosto palese che il rapporto sia ormai degenerato, così come il fatto che il team abbia un po' perso il controllo su entrambi. C'è di buono che il vantaggio in classifica è abbastanza corposo da non avere ragionevoli dubbi sulla vittoria di uno o dell'altro in campionato.

Ma, da qui in avanti, credo ne vedremo delle belle da parte di entrambi. Per il piacere nostro, che dopo 4 anni di monologo Red Bull e un anno di vetture lente e silenziate potremo quanto meno consolarci con una lotta interna per il titolo. E ricordatevi: ad Abu Dhabi punteggio doppio. Mi verrebbe quasi da pensare che sia tutto parte di un mirabolante copione firmato B.Ecclestone.

Speriamo di no, almeno quello.

Evviva il far west a base di wurstel. Buon divertimento!


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

1 commento

Prendi parte alla discussione
  1. Dariok
    #1 Dariok 24 agosto, 2014, 22:51

    già, ma Ricciardo si sta avvicinando alle Mercedes, e vista la tavanata dei doppi punti all'ultima gara……mai dire mai

Solo gli utenti registrati possono commentare.