Ecco la Lotus E21. Svelata la prima monoposto del 2013

di 28 gennaio 2013, 22:53
Ecco la Lotus E21. Svelata la prima monoposto del 2013

All'insegna della multimedialità con streaming su Youtube, la Lotus ha presentato dal quartier generale di Enstone la sua nuova monoposto per il 2013.

Nome in codice E21 per la terza Lotus dalla livrea nero/oro (ai quali si è aggiunto un po' di rosso) che richiama alla lontana gli anni 80.

Preceduta da un soundcheck che ha svelato al mondo il suo primo vagito, la Lotus E21 verrà portata in pista in questo 2013 dalla stessa coppia di piloti. Il confermatissimo Kimi Raikkonen, autore di un 2012 di rientro concreto, e il rampante Romain Grosjean, che alle doti di velocità mostrate l'anno passato dovrà dimostrare di essere maturato, soprattutto sotto l'aspetto psicologico. E di non volersi rendere protagonista, spesso e volentieri, di incidenti in partenza, anche pericolosi. Si spera che l'esperienza del 2012 sia servita. Anche perchè un altro anno di quel tipo non sarà accettato.

La nuova E21 è la prima delle monoposto 2013 a farsi togliere il velo dai suoi piloti. Ha bruciato le tappe, visto che la Mclaren si mostrerà agli occhi dei suoi fan il 31 Gennaio, mentre la Ferrari svelerà la sua nuova fiamma il primo Febbraio.

Il primo dettaglio che balza all'occhio è la presenza dello scalino sul muso. Si era parlato tanto di un "vanity panel" permesso dalla Federazione con il nuovo regolamento: una specie di carenatura del muso per ovviare all'esteticamente poco scenico scalino delle monoposto 2012. Niente da fare. Il Direttore Tecnico James Allison è stato chiaro a riguardo. Un dettaglio che pesa anche pochi grammi e serve solo per abbellire una vettura, è inutile. Se pensiamo che sulle tute dei piloti si risparmiano i pochi grammi delle toppe degli sponsor, e questi sono stampati direttamente sul tessuto beh, immaginiamo quanto fosse importante per la Lotus abbellire la propria monoposto.

Ovviamente la Lotus ha interpretato questa opzione a suo modo, ma non è detto (anche se è probabile) che anche tutte le altre squadre abbiano utilizzato questa opportunità. Il telo che cela la nuova Mclaren sembra indicare un muso piuttosto alto. Staremo a vedere.

La livrea nera della Lotus rende difficile scorgere grosse novità, anche grazie alle inquadrature piuttosto larghe. Molto probabile che le ali fossero quelle del 2012, come da prassi in queste occasioni. L'airscope è convenzionale, al momento non include altre prese d'aria per DRS passivi e quant'altro. Ricordo che il dispositivo, quest'anno, non sarà utilizzabile in qualifica su tutto il giro, ma solo nella DRS zone, la stessa della domenica. Drastico calo d'uso, quindi.

Il retrotreno pare essere l'area soggetta al maggior sviluppo da parte dei tecnici Lotus. Le fiancate appaiono rastrematissime nonchè molto basse sul retro, in stile Red Bull. Ovviamente, date le modifiche minime al regolamento tecnico, è facile prevedere delle evoluzioni delle monoposto dell'anno passato, più che delle rivoluzioni. Soprattutto per chi parte da una buona base.

Nella zona delle pance sono stati introdotti dei deviatori di flusso simili a quelli Mclaren, che vanno a carenare la parte frontale delle fiancate per incanalare meglio l'aria verso la parte posteriore della vettura.

Altri dettagli sono stati sicuramente nascosti, ma sappiamo bene che le monoposto svelate durante le presentazioni forniscono solamente un'idea di base di quello che sarà la futura vettura. Già ai test di Jerez, tra una settimana, la E21 sarà radicalmente diversa da questa.

Kimi appare in forma. Ha detto che sebbene tutti partano da zero, dalla sua c'è un anno di esperienza con una squadra che adesso lo conosce bene. L'obiettivo è migliorare il già buon mondiale 2012, con una vittoria e diversi podi. Kimi, sicuramente, c'è. Ci sarà anche la E21?

Partono le ostilità, quindi. Una nota leggera: cliccate e date un occhio al volante fotografato e postato dalla Lotus su Twitter.

Il volante della E21..Kimi mode.

Il volante della E21..Kimi mode.

Insomma, se Kimi rimane l'uomo di ghiaccio che conosciamo, in Lotus riescono a farlo sciogliere un po' e a farlo stare allo scherzo. Invecchiando, d'altronde, si migliora.

Via alle danze delle presentazioni, quindi. Prossimo appuntamento il 31 con la nuova Mclaren da Woking, con un assente d'eccezione: Lewis Hamilton.

Vi ricordo anche la discussione sulla nuova Lotus, che potete trovare sul nostro forum.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

5 commenti

Prendi parte alla discussione
  1. Marcoct212v
    #1 Marcoct212v 30 gennaio, 2013, 10:25

    A parte gli scarichi in stile Red Bull non hanno mostrato ulteriori grosse novità. Considerato che il muso (Piloni che sostengo ala e tutta l'ala) è una versione precedente a quella del GP di Ungheria del 2012. Sicuramente nella prima giornata di test vedremo l'ala che hanno usato nel finale del 2012 se non addirittura un'ala completamente nuova.

    Cmq non mi piace che abbiano lasciato il gradino...Credo e temo che anche tutti gli altri opteranno per tenerlo (Tranne Williams che ha detto che non lo avranno)

  2. Giuseppe92
    #2 Giuseppe92 29 gennaio, 2013, 16:31

    Bell'articolo, come sempre !

    Al volante di Raikkone dovevano aggiungere il gps e il pulsante per aprire il cancello, potrebbero servire, a quello di Grosjean il pulsante "modalità fantasma" da utilizzare in partenza

  3. AleMans
    #3 AleMans 29 gennaio, 2013, 01:14

    Benissimo, iniziano a svelarsi le macchine! Giá sale l'eccitazione e il pensiero va subito alla prima gara...

    Ho dato un'occhiata veloce alla Lotus dal cellulare: nuovi scarichi bassi e in stile RedBull e nuove pance. Se dall'esterno i cambiamenti sembrano pochi, all'interno penso che abbiano cambiato qualcosina. E poi naturalmente non hanno mostrato tutto, se non sbaglio contano di utilizzare anche il DRS passivo (assente alla presentazione).

    Riguardo la McLaren, l'altezza della parte frontale potrebbe essere solo un piedistallo o qualcosa del genere?

Solo gli utenti registrati possono commentare.