Daniel Ricciardo parla di Vettel e della sua difficoltà nei sorpassi

di 07 novembre 2014, 11:30
Daniel Ricciardo parla di Vettel e della sua difficoltà nei sorpassi

Daniel Ricciardo ha speso delle belle parole per Sebastian Vettel, su loro rapporto come compagni di squadra.

"A essere onesti, credo che Seb sia il compagno di squadra con cui sono andato più d'accordo. Non ho niente contro i precedenti compagni di squadra, per nulla, ma credo che abbia mostrato molto rispetto nei miei confronti, sempre. Dopo la mia prima vittoria, si è congratulato con me, ma anche dopo i miei primi podi, è sempre rimasto molto umile verso nei miei confronti. È stato molto carino questo suo dimostrare rispetto, e io ne ho guadagnato di più nei suoi confronti" ha spiegato.

I media hanno enfatizzato ogni sorpasso compiuto da Ricciardo su Sebastian Vettel, rimarcando ogni minimo vantaggio ed evidenziando ogni difficoltà del quattro volte campione del mondo. Ma Ricciardo, senza voler "rigirare il coltello nella piaga" ha ammesso che anche lui ha avuto i suoi problemi, a suo tempo, con la HRT, ma anche con la Toro Rosso.

"Imparare a sorpassare è questione di sicurezza. C'è bisogno di sicurezza verso se stessi e la monoposto, per farlo. Con questa monoposto l'ho avuta sin da subito. Il mio tallone d'Achille è sempre stato il non essere aggressivo abbastanza, in questi ultimi anni. Era qualcosa che volevo cambiare. Era qualcosa dentro di me, e dovevo solo ritirarlo fuori, perché ai tempi dei go-kart riuscivo a sorpassare".

"Quella sicurezza nei sorpassi è tornata quest'anno, e basta sorpassare un po' di volte, per rendere tutto più facile. È bello, ora so di aver superato quella difficoltà. I sorpassi per la vittoria sono stati fantastici, ma al di là di quelli, i sorpassi a Monza sono stati belli, non ne avevo mai fatti di quel genere - è stato guidato dall'istinto, ed è stato molto divertente" ha aggiunto.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.