Andrea Ettori

CAMONJENSON Se questo è il buongiorno, auguri cara F1

A metà gennaio ci sono già parecchie cose discutibili di 17 gennaio 2017, 09:00 1328 visualizzazioni
Se questo è il buongiorno, auguri cara F1

Siamo a metà gennaio e già la stagione 2017 di Formula 1 inizia in maniera discutibile per non usare termini maleducati. Solo chi è in cerca di like "facili" (siccome viviamo in un'era social) oppure pseudo blogger o insider alla costante ricerca di visibilità oppure pass per entrare nei circuiti potrebbero pensarla diversamente.

Parto con il "clamoroso" arrivo di Bottas in Mercedes. Un segreto che anche chi non conosce quante ruote ha una vettura di F1 sapeva già tempo. Una mossa di convenienza quella della scuderia campione del mondo tenendo conto dei rapporti che ci sono tra Wolff e lo stesso Bottas.

A casa Hamilton saranno già iniziati i festeggiamenti, con Rihanna e altri vip che probabilmente (Red Bull o Ferrari permettendo) stanno già vedendo dove sistemare la coppa del 4° titolo mondiale.

Altro annuncio di giornata è quello del ritorno di Felipe Massa alla Williams. Si proprio Felipe, il bravo ragazzo a cui tutti vogliono bene e che nell'immaginario di chi di F1 conosce veramente poco è campione del mondo 2008. Lo stesso Felipe che con famiglia al seguito ha messo in scena un teatrino da libro Cuore con tanto di lacrime e pacche sul cuore in quel di Interlagos per dare l'addio a questo sport.

Si dice che sia rimasto per fare da "chioccia" al rookie Lance Stroll appena arrivato nel team. Spero vivamente che per il canadese non sia così, a meno che non voglia diventare un buon 2° pilota.

In una F1 che non conosce più i test invernali (ed è un disastro), in questi giorni si è parlato maggiormente di sospensioni come se fossero la "causa" delle vittorie o delle sconfitte dei team che le avevano oppure no, invece che della crisi della Manor. Una situazione drammatica quella del team inglese, che tra pochi giorni conoscerà il proprio destino. Dietro tutto questo ci sono persone, famiglie che attendono l'esito di questa situazione per vedere che ne sarà del proprio futuro.

Probabilmente nell'immaginario collettivo ha prevalso il "chi se ne frega" piuttosto al fatto che, oltre a quanto qui sopra, la griglia sarà priva di 2 macchine e non vedendo costruttori all'orizzonte non è una grande notizia. Sono certo che se in Manor ci fosse stato un pilota della FDA sarebbero partiti hashtag caritatevoli nei confronti del team da parte di addetti ai lavori e appassionati.

Insomma tante cose che però non hanno dato, almeno al sottoscritto, nulla per aumentare l'interesse verso il mondiale che a marzo partirà. Spero davvero che le nuove macchine, che da quello che leggo sembrano essere velocissime e anche molto belle, possano essere anche tecnicamente qualcosa di cui parlare con passione.

Ah dimenticavo: se volevano farci divertire sul serio, il numero sulla Mercedes non doveva essere il 77 ma il 14.




Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.