Alessandro Secchi

SEVEN Australia 2013: Habemus Iceman

di 17 marzo 2013, 09:20 392 visualizzazioni
Australia 2013: Habemus Iceman

E' tornato l'uomo di ghiaccio. Oppure non se n'è mai andato.
Kimi era il meno atteso dopo le qualifiche. E invece eccolo qui, sul podio, a festeggiare la prima splendida vittoria dell'anno.

Conclusa la gara risponde con classica sufficienza al team radio, dicendo "Vi avevo detto che la macchina era buona". Come per dire "se la macchina c'è, io son pronto". Infatti.

Mentre Grosjean, dopo un inverno di paternali, affonda a 82 secondi di distacco, il buon Kimi sovverte i pronostici delle qualifiche. E il merito è in gran parte suo, visto quello che ha fatto il compagno. Tutti gli altri si perdono in calcoli matematici per i pit stop, lui ne fa due e gli basta per vincere e con margine. Grande macchina, la Lotus. Dopo le qualifiche tutti a pensare a Red Bull, Mercedes e Ferrari. Dopo pochi giri Kimi è già a ridosso dei primi, e poi imposta la sua strategia, diversa da quella degli altri, migliore di quella degli altri. Conduce una gara alla Raikkonen, nel suo stile. E si concede anche di agguantare il giro più veloce, il suo marchio, alla penultima tornata.

Della Lotus si era parlato bene durante i test, ma tra prove libere e qualifiche le quotazioni della scuderia di Boullier erano scese. Si pensava al solito trenino Red Bull, specialmente dopo la qualifica. E invece si sono invertite le parti. Vettel in difesa, Webber irriconoscibile. Iceman, invece, sugli scudi.

Per talento puro, io resto dell'idea che come Kimi forse non ce ne siano. E' un parere personalissimo, quindi prendetelo in quanto tale. Il Kimi di oggi ha ricordato quello che vinse, proprio a Melbourne, nel 2007 all'esordio con la Ferrari. Impeccabile, sebbene in quell'occasione la posizione di partenza fosse decisamente migliore di quella di oggi.

Kimi, oltretutto, rispecchia l'anticonformismo. O forse la normalità che in F1 non è contemplata. Pacat(issim)o ma al tempo stesso mai banale, sempre con occhialoni o cappellino dalla visiera rigorosamente piatta, monotono nelle interviste, adesso è anche protagonista di divertenti scenette che giocano sul suo modo di essere e di porsi. Spot televisivi che alludono al suo monosillabismo, piccole prese in giro postate sui Social Network dal suo stesso team (come i cartoni di gelato fuori dal motorhome). Insomma, 'un' Kimi in questa F1 ci vuole. Forse ce ne vorrebbero di più.

L'anno scorso, la stagione di rientro, era stata ottima e impreziosita dalla vittoria di Abu Dhabi. Se le premesse del 2013 sono queste, e se le gomme non hanno influito troppo sulle prestazioni odierne, ci sarà sicuramente da divertirsi.

Ben tornato, Iceman!


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

2 commenti

Prendi parte alla discussione
  1. Gianfranco
    #1 Gianfranco 17 marzo, 2013, 15:42

    LOL

    Abu Dhabi e Intelagos 2012

    già già già... Vettel si "perde"

  2. massj
    #2 massj 17 marzo, 2013, 11:32

    Oggi con sostanziale parità di macchina si è visto che Alonso e Raikkonen sono di un livello superiore rispetto a Vettel che non è mai stato in grado di guidare oltre la prestazione della sua macchina.

    Altra visione di gara, altra costanza e altra capacità di attaccare dei primi due rispetto al tedesco che, per carità, è un ottima pilota, ma oggi se non fosse partito in pole sarebbe finito tranquillamente dietro a Massa che gli è stato largamente superiore per tutta la prima parte di gara.

    Entusiasmante nel finale il duello a distanza a colpi di giri veloci tra Kimi e Fernando, due piloti che anche quando si trovano nel traffico sono molto efficaci e sanno bene cosa fare, mentre Vettel si perde.

Solo gli utenti registrati possono commentare.