Alonso: "Un risultato incredibile"

di 29 luglio 2015, 14:00
Alonso: "Un risultato incredibile"

Tra i piloti che hanno lasciato col sorriso il circuito dell'Hungaroring c'è sicuramente Fernando Alonso: al termine di una gara segnata da ogni tipo imprevisto (è mancata solo la pioggia) il bi-campione del mondo spagnolo, che oggi compie 34 anni, ha tagliato il traguardo in un'insperata quinta posizione, andando a cogliere il miglior risultato stagionale per la McLaren-Honda; un'ulteriore iniezione di fiducia è stata data dal nono posto dell'altra vettura anglo-nipponica, pilotata da Jenson Button, che ha consentito al team di Ron Dennis di portare entrambe le vetture a punti per la prima volta in questo 2015.

Il risultato finale non deve comunque illudere: la strada da percorrere è ancora lunghissima e senza i vari incidenti occorsi alle due Mercedes, alle due Williams, a Raikkonen e a Hülkenberg probabilmente Alonso si sarebbe dovuto accontentare di tagliare il traguardo ai margini della zona punti, ma ciononostante, per una volta, in casa McLaren si può festeggiare un risultato insperato. Ecco le parole dei due piloti riportate da autosport.com

"In alcuni frangenti la gara è stata caotica, siamo riusciti a trarre vantaggio dalle opportunità che si sono presentate e abbiamo massimizzato il risultato" ha detto Fernando Alonso, che lucidamente ha messo in evidenza sia la fortuna che i meriti della sua squadra. "Arrivare quinti è incredibile, anche un pò impressionante per noi perché al momento non siamo super competitivi. Raccogliere alcuni punti è un buon modo per andare in vacanza per l'intera squadra, per tutte le persone che in fabbrica lavorano 24 ore al giorno per aggiornare la vettura".

"Sappiamo bene che la macchina sta migliorando e che stiamo diventando più competitivi, ma è sempre bello toccare con mano risultati del genere. Siamo qui per competere, un giorno saremo qui anche per vincere, ma al momento non siamo in una posizione che ci consenta di farlo. Stiamo andando nella giusta direzione; abbiamo avuto un po' di fortuna in alcuni degli eventi che sono accaduti in gara, ma in altre gare siamo stati sfortunati e quindi abbiamo bisogno di raccogliere tutte le opportunità che si presentano".

Un po' meno soddisfatto è Jenson Button, nono al traguardo, che può recriminare per un'errata scelta della sua squadra che aveva deciso di non cambiare i suoi pneumatici durante il periodo di neutralizzazione penalizzandolo molto nelle ultime tornate.

"Avrei preferito trovarmi assieme a Fernando a fine gara, ma lui ha fatto un grande lavoro e la scelta di montargli gomme soft per gli ultimi giri ha pagato. Durante la neutralizzazione in molti sono rientrati ai box, ma non io, e questo ha reso le cose difficili perché alla ripartenza mi sono trovato con gomme ormai vecchie mentre molti altri erano su gomme nuove. Negli ultimi giri io avevo le prime (le gomme con mescola più dura, ndr) mentre gli altri avevano le option (quelle a mescola più morbida, ndr), quindi era davvero difficile tenerli dietro. Abbiamo commesso un errore, è stata dura ma comunque siamo riusciti ad arrivare a punti".

"Per il team è grandioso conquistare dei punti prima della pausa estiva, ma al tempo stesso siamo realisti e consci del fatto che quella che abbiamo visto è stata una gara pazza. Ci sono stati tanti incidenti e tante penalizzazioni che ci hanno aiutato, ma è sempre buono finire a punti, per di più con entrambi i piloti" ha concluso il pilota inglese, campione del mondo 2009.

Con il quinto e nono posto di Budapest la McLaren si porta a 17 punti in classifica costruttori, dove occupa sempre la nona posizione pur essendosi avvicinata moltissimo al gruppo composto da Force India, Lotus, Toro Rosso e Sauber; il distacco che separa la scuderia di Woking da quella di Hinwil, che la precede in classifica, è ora di soli 5 punti.

Immagine di copertina dall'account Twitter McLaren


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.