Andrea Ettori

CAMONJENSON Aguri Suzuki e la Larrousse LC90

di 23 settembre 2015, 12:30
Aguri Suzuki e la Larrousse LC90

Il Gp del Giappone 1990 viene ricordato da tutti gli appassionati per il contatto Senna-Prost, avvenuto alla prima curva di Suzuka, che permise al pilota brasiliano di vincere il suo 2° titolo mondiale e per le polemiche che ne seguirono. Ma oggi non voglio parlare di questo, ma di un altro episodio avvenuto sempre in quella gara che è entrato nella storia della Formula 1.

Con il 3°posto ottenuto dietro alle due Benetton di Piquet e Moreno, Aguri Suzuki divenne  il 1° pilota giapponese a salire sul podio in un Gp di Formula 1.

Un risultato fantastico, frutto soprattutto dei tanti ritiri, ma anche della bontà della Larrousse LC90. Progettata da Eric Broadley ed equipaggiata dal V12 Lamborghini in quella stagione conquistò altri piazzamenti importanti. Da ricordare il doppio arrivo a punti a Silverstone con Eric Bernard 4° e Suzuki 6°. Il telaio fu costruito dalla Lola: dettaglio che causò a fine stagione qualche problema al team, il quale aveva dichiarato alla Fia di aver costruito i telai autonomamente.

Alla fine tutto si risolse permettendo alla Larrousse di conservare il 6° posto nella classifica costruttori, che nella storia della squadra è rimasto il migliore di sempre.

Tornando brevemente alla monospoto, la LC90 oltre alla splendida colorazione, fu progettata con forme molto sinuose che la rendevano una delle vetture più belle in griglia. Debuttò ad Imola e, come potrete sentire nel video seguente, grazie al motore Lamborghini "cantava" meravigliosamente.

Ultima curiosità: nel Luglio del 2012, durante un esibizione, Aguri Suzuki è salito ancora sulla sua Larrousse proprio a Suzuka.

Eric Bernard onboard Paul Ricard 1990 Larrousse Lamborghini V12

Arrivo e podio Suzuka 1990

 

Immagine di copertina dalla nostra WIKI


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

1 commento

Prendi parte alla discussione
  1. BurgerChrist
    #1 BurgerChrist 23 settembre, 2015, 13:29

    Io non dico di tornare ai V12, ma almeno ai V10... Ogni volta che vedo un video degli anni passati e sento cantare quei motori capisco quanto siano insulsi i nuovi. Sono un concetrato di tecnologia ed efficienza, certo, ma la "bestia" sotto il cofano della mia Sandero ha un suono migliore...

Solo gli utenti registrati possono commentare.