Andrea Ettori

CAMONJENSON E se fosse anche colpa nostra?

di 05 luglio 2013, 08:05 384 visualizzazioni
E se fosse anche colpa nostra?

Quello che è successo domenica durante la gara di Silverstone è la dimostrazione estrema che la Formula 1 si è spinta oltre un limite accettabile. Le Pirelli che esplodono come fuochi d' artificio a Capodanno sono l' immagine chiara che qualcosa nel sistema non sta funzionando. In queste ore dove tutti puntano il dito,e forse anche giustamente contro lo scempio che abbiamo visto io ho cercato di fermarmi un attimo e provare a capire il perchè si è arrivati a tutto questo.

Negli ultimi 15 anni ho sentito parlare soprattutto di Formula noia, da chi ne sa di questo sport, a chi non sa nemmeno quante gomme ha una vettura. " Non ci sono sorpassi, troppa elettronica, mi metto sul divano guardo la partenza e poi mi addormento" sono le frasi che sono andate per la maggiore, dal bar sotto casa al giornale più titolato. Ma soprattutto una frase era quella che veniva usata maggiormente: " Non c'è spettacolo è noiosa". Ecco che tutto questo, in qualche modo, è arrivato all' orecchio dei vari Montezemolo, Dennis e Briatore.

La gente vuole lo spettacolo, servono rimedi e subito. Si è passati dal girare un intero week-end di gara con le stesse gomme, a togliere flap, alette e deflettori vari, fino ad arrivare al Kers e al Drs. Poi sono arrivate loro, le diaboliche Pirelli, così amate nel 2011 tanto da essere considerate le " salva Formula 1", ma così odiate e bistrattate nel 2013 tanto da essere considerate anche dal gommista sotto casa totalmente inaffidabili. Ma tra il 2011 e il 2013 noi, non ci siamo accontentati di quello che stavamo guardando. Anche se il dominio Vettel/Red Bull ha " ammazzato" i vari campionati le gare erano e sono divertenti. Ma non andava bene perchè " i sorpassi con il Drs sono finti, i piloti sono delle fighette, sembra di giocare alla playstation" senza pensare però che una vettura di Formula 1 va guidata, e che noi dal nostro divano o poltrona siamo troppo bravi a parlare.

Ecco quindi che si è voluto alzare l' asticella, forse un po troppo trascurando l' immagine di questo sport meraviglioso, e soprattutto la sicurezza di chi va in pista e ci mette l' anima. Queste Pirelli che ora tutti odiano, ma che prima tutti amavano, sono anche una naturale conseguenza di chi come noi ha voluto troppo, e che forse si deve sentire anche un po responsabile.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

5 commenti

Prendi parte alla discussione
  1. kimiz
    #1 kimiz 6 luglio, 2013, 11:39

    Io giro la frittata alle squadre. Hanno mille e mille regolazioni, mille e mille dati da telemetria e menate varie e ANCORA non sanno come calibrare le coperture per non farle scoppiare! Ancor più buffi alla mercedes dopo 1000km ancora non hanno imparato nulla.

    Poi guardacaso son sempre state le stesse squadre/piloti a subire l'onta dell'esplosione. Certo questo GP ci son stati scoppi in più ma non venitemi a raccontare che dai BOX non conoscono i dati delle coperture.

    Sanno tutti e possono modificare tutto...però probabilemente modificare qualcosa significa far andare più piano il pilota e nessuno vuole essere lento...

  2. Griforosso
    #2 Griforosso 5 luglio, 2013, 12:04

    NO, NO non è né può essere colpa nostra. E' vero che ci sono state gare noiose senza sorpassi e nemmeno la possibilità di farli. MA le soluzioni trovate non le abbiamo suggerite né deliberate noi. ANZI alcuni hanno anche ipotizzato delle soluzioni che erano ben diverse da quelle poi studiate e deliberate dagli accoliti di Todt ed Ecclestone. Le Scuderie, poi, se si fai vedere una manciata di dollari si vendono come delle prostitute. Non importa se siano delle briciole. Non a caso, negli anni, hanno permesso ad uno come Ecclestone di IMPADRONIRSI della Formula 1 facendosi scippare sotto il naso una montagna di dollari. E sono quelle persone che vorrebbero dire a noi come vivere perché loro conoscono la Finanza, la Tecnica e tutto quanto è la F1. Case come Mercedes, Fiat, Renault, Honda, Toyota, Porche non hanno saputo o voluto prendersi la F1 lasciandola ad uno come Ecclestone che ora, grazie al potere che si è ritagliato negli anni, è il PADRONE della F1 e detta legge come e quando vuole ed è diventato l'uomo più ricco della GB secondo alcune notizie di stampa. Questa accolita di personaggi hanno deliberato regole piene di pieghe in cui nascondersi addirittura lasciando ad uno come Brawn di fare il regolamento che poi gli ha permesso di vincere il mondiale alla sua prima annata di Nuova Scuderia. Ed è colpa anche nostra ? Quante proposte sono giunte da noi appassionati ? Pur nella nostra ingenuità e pochezza tecnica da appassionati avevamo suggerito soluzioni che avrebbero ottenuto, sicuramente, il ritorno allo spettacolo senza le cavolate di oggi. Perché un campionato deve essere deciso dalle gomme? Perché un campionato deve essere condizionato dalle furbate di alcuni che giocano ai limiti del regolamento sfruttando le pieghe prima dette? Con una FIA che non si sà più che fine abbia fatto. Perché non restituire ai piloti la facoltà di dimostrare il loro valore con macchine che a 300 Kmh non possano più iniziare a frenare a 60/80 mt dalla curva perché i freni e l'aerodinamica permettono loro di fare curve in tranquillità molto maggiore di vetture con caratteristiche ben diverse? No, per Ecclestone e Todt (e prima Mosley) erano meglio i rifornimenti, le gomme che durano mezz'ora e poi se non le cambi perdi un GP che avresti meritato al 100%? E vediamo che i sorpassi, nonostante DRS e Kers avvengono, e sono i più belli, anche senza il loro contributo. Certo ci siamo lamentati delle gare noiose ma la soluzione che ci attendevamo non erano cose da teatrino di fiera ma regole che salvaguardassero al massimo le diverse qualità dei Piloti e delle Scuderie, oltre che la sicurezza. Ditemi cosa di tutto questo c'è nel'attuale F1. Un saluto a tutti gli Appassionati e sempre, VIVA FERRARI, fausto bura

    • Osrevinu
      Osrevinu 9 luglio, 2013, 10:12

      Caro Fausto Bura,
      hai scritto cose che condivido al 100%. Ti prego di registrarti al forum perchè questo è il genere di appassionati che vogliamo!

  3. Paolo93
    #3 Paolo93 5 luglio, 2013, 10:37

    Secondo me la colpa resta di Ecclestone (e un po' della Pirelli che ha sbagliato qualcosa nella progettazione) perchè il problema non è stato risolto ma solo aggirato. I sorpassi di oggi ci sono solo tra macchine con gomme nuove e macchine con gomme consumate. I sorpassi tra piloti in lotta sono ancora molto rari. Io spero tanto nel prossimo regolamento con aerodinamica semplificata e motori che dovrebbero fare la differenza.

  4. 126C2
    #4 126C2 5 luglio, 2013, 09:26

    No, direi che la colpa è comunque al 100% di Bernie e dei suoi tirapiedi

Solo gli utenti registrati possono commentare.