ALTRE CATEGORIE 24h di Daytona: Barbosa in pole con la Cadillac, l'Italia domina tra le GTD

L'era delle DPi si apre con il dominio del prototipo su base Dallara, Ford centra la tripletta tra le GTLM di 26 gennaio 2017, 23:30 199 visualizzazioni
24h di Daytona: Barbosa in pole con la Cadillac, l'Italia domina tra le GTD

La pole position della 24h di Daytona, che apre la stagione del campionato endurance statunitense, è andata alla Cadillac DPi-VR del team Action Express, che ha peraltro realizzato una doppietta grazie a João Barbosa e Dane Cameron. Ottimo risultato per il prototipo realizzato sulla base della Dallara P217, che ha dominato le due sessioni di prove libere e in qualifica ha poi rispettato il pronostico. 1:36.903 il cronologico registrato dal portoghese, nuovo record del circuito della Florida.

Prove molto combattute nella classe riservata ai prototipi. Tra le due auto in prima fila ci sono appena 70 millesimi, mentre le prime cinque sono chiuse in sette decimi solamente. Terza posizione per la prima vettura in specifica LMP2, l'Oreca del team Rebellion pilotata dal campione del mondo in carica, Neel Jani. Lo svizzero si è lasciato alle spalle la Cadillac della scuderia gestita da Wayne Taylor, pilotata da Ricky Taylor, e la Nissan #22 del team Extreme Speed con Brendon Hartley al volante.

Con le piccole modifiche apportate al Balance of Performance al termine dei test collettivi sono emersi anche i veri valori in campo: le DPi sembrano essere più performanti delle LMP2, che con un pilota di livello alla guida possono tuttavia tenere il passo delle "cugine". Nell'arco delle 24 ore, l'esito della battaglia rimane quindi tutt'altro che scontato.

Solo un nono ed un decimo posto per le Mazda sviluppate su telaio Riley-Multimatic. Jonathan Bomarito e Joel Miller hanno concluso ad oltre tre secondi di distacco dalla pole position, precedendo la sola Riley in versione LMP2 del team Spirit of Daytona.

Ridotta all'osso la categoria PC, con appena cinque vetture in pista. James French, del team Performance Tech, ha ottenuto il miglior tempo precedendo di otto decimi Johnny Mowlem, team BAR1 Motorsports. Le Oreca FLM09 sono risultate essere poco più veloci delle migliori GTLM, segno che un cambiamento per quanto riguarda la categoria cadetta dei prototipi è ormai necessario.

Le GTLM hanno regalato il solito spettacolo, con le undici auto in pista racchiuse in un secondo e mezzo. Ford e il team di Chip Ganassi hanno spadroneggiato, piazzando tre vetture ai primi tre posti. Pole position a Joey Hand con la #66, in 1:43.473, davanti a Richard Westbrook con la #67 e a Olivier Pla con la #68. Quest'ultimo si è reso protagonista anche di un fuoripista nel corso della sessione. 

Alle spalle del trio dell'Ovale Blu si è piazzata la Ferrari #62 del team Risi, pilotata da Toni Vilander, davanti alla Porsche #911 di Patrick Pilet. Solo un settimo posto per la prima Corvette, che l'anno scorso qui fu autentica dominatrice della corsa, con la #3 guidata da Jan Magnussen

Festa italiana in classe GTD, con quattro piloti nelle prime cinque posizioni. A rubare la scena sono state le Ferrari 488 di Alessandro Pierguidi e Alessandro Balzan, rispettivamente di AF Corse e Scuderia Corsa, che hanno decisamente staccato l'Aston Martin ufficiale dell'iridato in carica Marco Sørensen. Subito alle spalle del danese hanno concluso Matteo Cairoli su Porsche e Mirko Bortolotti su Lamborghini. Un ottimo risultato complessivo per i nostri colori. Sesta è la prima Audi, quella del team Land Motorsport, con Connor de Philippi, davanti alla debuttante Acura NSX di Jeff Segal.

Alle 20:30 (italiane) di sabato verrà dato il semaforo verde alla 55esima 24h di Daytona, edizione che senz'altro sarà molto combattuta in tutte le classi. Lo streaming ufficiale della gara sarà disponibile sul sito imsatv.imsa.com.

Classifica

Immagine copertina: sportscar365.com




1 commento

Prendi parte alla discussione
  1. Boscagoo
    #1 Boscagoo 27 gennaio, 2017, 15:27

    Mitico il link! Grandi! Guarderò sicuramente la partenza! Grazie!

Solo gli utenti registrati possono commentare.